“Nu’ fuoc’ ‘e paglia”

One of the first things I learned at University was that history doesn’t repeat itself. After all, how can a series of complicated, interwoven phenomena always produce the same exact result? Isn’t it rather the case that hindsight is 20-20, and that we tend to oversimplify things in order to fit a particular narrative? Good thing we put that notion to bed. Now, what were we talking about again?

 

Ah.

For the uninitiated, the first clip was of Juan Mata scoring Chelsea’s sole effort in Naples two years ago in a 3-1 defeat. Game over, right? Wrong. Chelsea won the return leg 4-1, exploiting some more lax defending as well as a series of woeful Cavani misses to power their way to the 2012 Champions League final. The second is of Aritz Aduriz exploiting a hesitant Napoli defense to send Athletic Bilbao through to the Champions League group at Napoli’s expense.

Wednesday evening’s elimination proves that it really is possible to always be the bridesmaid without ever being the bride, especially if you’re a club like Napoli, and you have repeatedly failed to make much headway in Europe or even come anywhere near winning the Serie A (their best score was 9 in 2012-13. Last year they were 24 points short of Juventus).

This is not to disparage what the Partenopei have done over the past few years: they’re hardly Sophie Thompson‘s character in Four Weddings and a Funeral (who actually ends up getting married, but whatever), but rather one of Serie A’s most spectacular sides since returning to the fold in 2007.

Trust me, as an Inter fan with a dystopian view of his club and Serie A’s future, Napoli have done a lot to restore my faith in Italian football, what with that powerful combo of attacking midfielders, Higuain’s finish in the first leg… you get the picture. But two Coppa Italia trophies are a poor return for a team that always threatens to compete before fading away, with Wednesday night’s debacle causing fans to demand spending and results, and not necessarily in that order either.

It certainly wouldn’t be fair to expect title upon title from Napoli either, or indeed expect them to win the Champions League (though De Laurentiis has certainly tried). For every Lavezzi or Cavani, Napoli have also had to make do with the Mestos, Cannavaros and the Garganos of this world. But why haven’t they come close, even just once? Or made a deep run in Europe? Are they what Americans would call “chokers”, or have they actually over-performed in coming second and third in the past two seasons?

It actually turns out that history doesn’t repeat itself, but it does come pretty close. Though Napoli have had many different iterations since they came up in 2007, the end result is very similar, whether they show up with a porous defence (last night) or a wasteful forward line (Edinson Cavani at Stamford Bridge in 2011-12), whether they attack head on (Benitez) or on the counter (Mazzarri). An exception should also be made for the Europa League- which former coach Walter Mazzarri never took seriously (I’m sure De Laurentiis fully agreed) and often used as an excuse to trot out the reserves.

Worse, there is a common thread to all of these underwhelming results. It is said insanity is doing the same things over and over and hoping it all works out. Aurelio De Laurentiis’ Napoli are guilty of just that. A prime example is the kind of players the Partenopei bring in, or rather how meager the returns have been on signing centre-backs. Albiol and Britos both cost over €8 million, and Victor Ruiz just under that. To put it kindly, they’ve not exactly been slam-dunks, though Albiol can certainly improve. Ruiz, for his part, lasted a whopping six months. De Laurentiis generally prefers cheaper options who work fine in Serie A, but come undone in Europe (Cannavaro, Aronica, Grava, Campagnaro, Gamberini). It was Cannavaro who provided us with that moment of unintended hilarity that Mata was so happy to profit from.

Buying defenders in Italy is a tough business these days- just look at how the league’s decreasing prestige and buying power has seen many big stars (Thiago Silva, Mehdi Benatia) leave, or how Juventus pieced their back three from recycled parts (Barzagli), in-house talent (Chiellini) and young Italian potential. The obvious names for the latter category are Leonardo Bonucci and Angelo Ogbonna, two players who show just how risky it is to invest in Italian talent. But Juventus and Roma conceded 23 and 25 goals respectively last year, Napoli 39, on a par with Inter. Hardly a breathtaking performance.

Truth of the matter is that the Partenopei always seem to have something missing, whether they’re looking to put out a truly competitive starting XI, going for European glory, or even simple respectability: having done remarkably well in their first season back from purgatory in 2007-8, Napoli spent several years floating around the Top 10, alternating brilliant home performances with disappointing outings. In 2008-9, the squad looked capable of shooting for the stars with the likes of Hamsik, Lavezzi and Maggio, and racked up 20 points in their first nine outings. Regrettably, they then failed to win a game in three and a half months, leading to coach Edy Reja’s sacking.

It’s like Napoli have to do accompany every good decision with a bad one, whether it is having Marcelo Zalayeta and Michele Pazienza in that 08-09 squad, or even hiring a good coach like Walter Mazzarri, the man who saved a Reggina side that had begun the 05-06 season with a 15 point penalty. Mazzarri could get the best out of his creative players, motivate his men and cook up a very good gameplan, but could also be tactically inflexible at the worst times. His failure to shore up the back line at Stamford Bridge will stay with him for a long time.

Napoli have arguably ramped things up over the past couple of seasons: bringing in Mertens on the cheap, as well as Callejon and Higuain from Napoli, and Insigne back from his loan to Pescara. Faouzi Ghoulam is a very promising player, and Benitez just the man to bring them European success. But just as things looked set for a turnaround, the bad news hit like a hurricane: it turns out we all forgot that Benitez doesn’t do leagues (his last win in 2004-5, before I could legally drive. Not that I do anyway), and was outsmarted in Europe, the very stage he normally excels in. We also discovered that Napoli’s choice to bring in cheap players from less fancied European leagues (a very market efficient approach) doesn’t always pay off. Khalidou Koulibaly can certainly become someone special, but needs time to adapt to life after the GAUNTLET that is the Belgian league. Why on earth was he starting against Athletic? Why was Michu watching the return leg from the stands?

It’s hard to disagree with the title of this piece, a Neapolitan expression for “[this team is] a flash in the pan”, uttered by a dejected fan as the defense bumbled its way to conceding a third goal. All this feeds into an increasingly depressed mindset. Napoli fans are somewhat like Philadelphia Eagles supporters, always close, always sucked in, never winning anything in the NFL. Even a quick backwards glance does seem to confirm that Napoli don’t just take the long road, they cover it in marbles and go about the task with their stilettos. It goes back to former owner Achille De Lauro, who spent a whopping 105 million lira to tempt Nordic superstar Hasse Jepson back in 1952, expecting the titles to rain down on the back of his massive spending spree. He would not live to see the day when Diego Maradona lifted the trophy a whole 35 years later, though he went out with a bang, bossing around his coaches and sacking players like nobody’s business. Even with El Pibe at the helm, Napoli never even got close to winning the European Cup, all whilst being accused of blowing a title race in order to help the local Camorra make a killing (a financial one, not that they mind much either way).

Let’s just hope Napoli don’t make life too hard for themselves this season. After all, things like this tend to happen when they don’t.

 

 

 

 

 

I veri Opti Pobà sono Made in Italy

“L’Inghilterra individua i soggetti che entrano, se hanno professionalità per farli giocare . Noi, invece, diciamo che Opti Poba è venuto qua, che prima mangiava le banane, adesso gioca titolare nella Lazio”

Un potenziale Presidente di federazione non dovrebbe parlare in questo modo. Ma in Italia… Da quando Carlo Tavecchio, candidato favorito alla presidenza della FIGC si è espresso in questi termini, il mondo del calcio internazionale ha reagito con sdegno. Ma non in Italia, dove Tavecchio può ancora farcela, a meno di un improvviso voltafaccia delle società più importanti.

Questo incidente rischia, come altri in passato, di coprire di vergogna l’Italia, e la dice lunga non solo sulla piramide inversa del potere nel vecchio stivale, ma anche su come razzismo e immigrazione vengano percepiti da queste parti; e su come l’ondata di sdegno non sia stata sufficiente né a squalificare Tavecchio, né a far sì che alcuni Italiani percepiscano le questioni razziali come nel resto dell’Europa.

In questo articolo, insisterò molto sulla parola “alcuni”. Ci sono infatti molti miei connazionali che trattano le altre nazionalità con il rispetto che meritano, anche se su un fenomeno sottile, diffuso e sfaccettato come questo, i numeri e le percentuali sono difficili da stabilire. Peccato che il dibattito sul razzismo in Italia sia a volte estremamente contorto. Ancor più preoccupante è che proprio coloro che detengono il potere o possono formare l’opinione pubblica spesso sono i peggiori trasgressori.

Che sia La Gazzetta dello Sport a pubblicare una vignetta con Balotelli raffigurato come King Kong, o Tuttosport che che prova la battuta a effetto (“Li abbiamo fatti neri…”), non importa. Preoccupa che certi grandi quotidiani cerchino la battutaccia (senza ammetterne la natura razzista) anche quando Mario Balotelli (e chi sennò?), nato da genitori ghanesi, aveva appena schiantato la Germania con una doppietta che aveva proiettato l’Italia verso la finale dell’Europeo. Ma perché King Kong? Perché ricordargli che è nero? Non dovrebbe essere semplicemente italiano, ormai? Ancora piu inquietante e’ che sia La Gazzetta a macchiarsi d’un tale passo falso, la stessa Gazzetta che non ha lasciato la prima linea da quando Tavecchio ha parlato e che continua a tartassarlo di critiche. Se questi sono i cosiddetti non-razzisti, significa che il dibattito, da noi, non e’ poi cosi approfondito come ci piacerebbe pensare.

Non è la prima volta che cose del genere succedono in Italia, che persone di vertice imbarazzino il paese incuranti dello sdegno popolare, come quando Berlusconi definì “abbronzato” Obama, il giorno della sua inaugurazione. E’ forse per questo che ancora non si riesce a formare una massa critica sufficiente a liquidare Tavecchio. E così si spiega forse perché Joseph Minala sia corso in suo aiuto: Minala gioca nella Lazio, e il presidente della Lazio difende Tavecchio a spada tratta!

Ma sarebbe troppo facile dare tutta la colpa ai soliti politici e far finta che l’Italia sia un paese tollerante, al pari di quelle democrazie occidentali che cerca disperatamente di emulare. La verità è che tante persone di ogni estrazione non esitano, anche spesso, a oltrepassare i limiti del razzismo o della xenofobia. Che dire di chi sostiene che una casa popolare “è sporca da quando ci abitano gli albanesi”, oppure non frequenta ragazze di colore “perché puzzano” ? Devo queste citazioni a due miei amici italiani, istruiti, solitamente moderati, sensibili e fieri delle loro conoscenze multietniche…ma potrei citare parecchi altri esempi, a partire dall’italo-londinese che in piena estate si mette a gesticolare davanti ad una musulmana col velo, urlandole “Nevica, signora, nevica!”, o dei passeggeri in treno che, alla vista d’una poppante (musulmana anche lei) in preda alle lacrime, sparano: “Mamma, non voglio saltare in aria!”.

Certo, ci possono essere casi in cui la non conoscenza, o la mancanza di una componente africana nella cultura italiana moderna possono rappresentare un qualche tipo di scusa: come quando i giocatori del Crocetta Baseball Club (nel Parmense) si sono dipinti il viso di nero per prendere in giro l’attore Wesley Snipes nel film “Major League”. Dopotutto, mancando in Italia una tradizione teatrale con il “nero” stereotipato, e non essendoci stata la tratta, o peggio ancora la schiavitù dei neri, chi mai avrebbe potuto offendersi? E come potevano gli ignari giocatori immaginare di aver fatto qualcosa di sbagliato? Ma a pensarci bene, dietro cotanta ingenuità potrebbe nascondersi una memoria nazionale molto selettiva (come spesso succede), grazie alla quale, nella scia post-bellica degli “Italiani brava gente”, il paese si dimentica del suo passato fascista, punta il dito contro la Germania e cerca di dimenticare i propri peccati.

Forse il problema va oltre quello che sostiene John Foot, e cioè che l’immigrato tipo non sarà mai “uno di noi” . Forse non ci pensiamo nemmeno all’immigrato, o meglio non pensiamo a quello che prova quando gli tiriamo addosso l’ennesima pietra. Dopotutto, non fa nemmeno parte della nostra cultura o del modo di pensare: esiste perché noi possiamo farci gioco di lui. Eppure esiste un’altra Italia, quella che si dimena per i disperati di Lampedusa, o la famiglia che ha adottato un extracomunitario (già adulto), provando a far di tutto per aiutarlo ad ottenere il permesso di soggiorno. Lo hanno cercato disperatamente anche dopo l’espulsione, scoprendo pero’ che era morto nel disperato tentativo di attraversare il Sahara per tornarsene in patria.

E persino quando scoppia la bolla dell’indignazione antirazzista, tanti la guardano con incredulità: “Ma come? Noi non siamo razzisti! Ma non capite che è una battuta? Basta con gli estremisti del politicamente corretto! “ Il colmo è che, a parti invertite, gli Italiani fanno presto a scendere sul sentiero di guerra: che si tratti di un giornalista inglese che fa la solita battuta sui napoletani, o dei siti internazionali che parlano di razzismo per giustificare le intemperanze di Balotelli in serie A (quando in alcuni casi si trattava di ben altro), o ancora del quotidiano Bild che spinge a fondo sul pedale della propaganda anti-italiana… Certo, per essere un popolo la cui storia è tutt’uno con l’emigrazione, gli Italiani potrebbero fare alle nuove generazioni cioè i loro padri avrebbero voluto per se stessi. O no?

Quello che succede con l’attaccante Mario Balotelli è tipico, e dimostra che anche coloro che hanno una sensibilità razziale non ne capiscono a fondo tutti i risvolti. Ad esempio, quando Super Mario è stato destinatario di uno striscione degli ultrà juventini che recitava :” Non ci sono Italiani neri” (e non sono gli unici), alcuni hanno attribuito la colpa proprio a lui e ai suoi atteggiamenti provocatori, che avrebbero per così dire fatto da catalizzatore e causato l’incidente. E tanto per spargere sale sulla ferita, alcuni altri si sono precipitati a difendere gli ultrà: non sono razzisti, hanno solo usato quelle parole perché sapevano che gli avrebbero dato fastidio e lo avrebbero innervosito… Vale la pena ricordare che buona parte dei media italiani non siano cascati nel tranello, e che abbiano anzi continuato a contraddire queste menzogne.

E’ notevole come alcuni siano pronti a difendere un branco di ultrà quando di mezzo c’è la questione della razza, mentre li condannerebbero all’istante su tutta una serie di altre questioni. Insomma, si è trattato di un attacco razzista e basta. E in secondo luogo, perché concedere il beneficio del dubbio ad un gruppo di tifosi non proprio conosciuti per la loro moderazione? E se anche volessimo dire che non si è trattato di razzismo, come minimo dobbiamo parlare di “mancanza di sensibilità razziale”: qualcosa di cui andare fieri ?

Il comportamento di Tavecchio dopo che è scoppiato il bubbone è a dir poco scandaloso. Ha dichiarato: “Pochi hanno fatto quanto me per il terzo Mondo”, riferendosi al lavoro che sostiene di aver svolto per portare più immigrati nell’alveo del calcio dilettantistico. Io non sono un esperto in materia, ma non posso assolvere questo modo di ragionare. E’ come dire: “ Ho aiutato i neri in alcune circostanze, quindi va bene se adesso non li tratto da eguali. Che grande dirigente che sono!”

Ancora peggio, il ricorso all’immagine di “Opti Pobà” o della non fa altro che anticipare i grandi classici del dopo-scandalo, tipo :” Ho tanti amici neri!”. Tavecchio ha tutta l’aria di un razzista che fa di tutto per dimostrare di non esserlo, quando in realtà lo è, eccome. Anche quando ha detto una cosa tutto sommato giusta, cercando di rendere omaggio allo sport femminile, ecco uscire della parole completamente inopportune (“handicappate”).

E’ francamente deprimente che un paese che dà così tanta importanza alle buone maniere sembri pronto ad abbandonarle quando si parla di immigrazione e razza. Non è solo mancanza di consapevolezza, ma anche una questione di saper maneggiare con cura certi argomenti. Il fatto di non capire che una certa parola può essere percepita come un insulto non autorizza a muoversi con la grazia di un pazzoide leghista come Mario Borghezio che di mattina presto spruzza DDT sulle prostitute africane in treno.

La domanda è: il fatto che un settantenne usi un linguaggio dai toni razzisti proprio mentre si prepara all’incarico più importante della sua vita, cosa ci dice del personaggio Tavecchio, e soprattutto dell’Italia? Forse la risposta a questa domanda è la cosa più deprimente di tutte.